Home > Il gioco che guarisce

Il gioco che guarisce

Il gioco che guarisce

Questa è la condivisione del sé. Chi ti usa? A chi sei più vicino? Gli strumenti del contatto sono guardare, parlare, toccare, ascoltare, muoversi, odorare e gustare. In qualche modo i bambini si auto-proteggono. I bambini fanno quello che possono per riuscire a sopravvivere, la loro spinta è verso la crescita. E nel sogno ogni sua parte, ogni situazione è una creazione di chi sogna.

Naturalmente alcuni sogni scaturiscono dai ricordi o dalla realtà. Nel sogno niente è attribuibile al caso… Ogni aspetto del sogno rappresenta una parte di chi sogna, ma una parte che in qualche misura viene misconosciuta o proiettata su altri oggetti. Cosa significa proiezione? Se vogliamo riappropriarci di queste parti, dobbiamo usare tecniche speciali mediante le quali poter riassimiliare queste esperienze. I bambini amano poco condividere i loro sogni, ricordano più facilmente i loro incubi e spesso raccontano di avere sogni ricorrenti. Sono rimasti incompiuti perché il conflitto in essi presente non si è risolto, le parti rinnegate facevano troppa paura per essere riconosciute.

In generale, i sogni assolvono a diverse funzioni nei bambini. Possono essere un mezzo per esprimere ansia, preoccupazione, possono esprimere emozioni che i bambini non sanno esternare nella vita quotidiana. Possono descrivere i desideri, i bisogni, le fantasie , gli interrogativi, le curiosità, gli atteggiamenti.

Nel lavoro con i bambini la Oaklander pone attenzione alle parti del sogno che sono estranee al bambino, alle parti mancanti, alle polarità e alle dicotomie. Lo scopo è aiutare il bambino a conoscere se stesso e la sua vita attraverso il sogno, evitando di analizzare o cercare di interpretare. Il gioco è una forma di improvvisazione, è una modalità attraverso la quale il bambino saggia il suo mondo e lo apprende. Per il bambino il gioco è una cosa seria, è una forma di auto-terapia con cui spesso è possibile elaborare le confusioni, le ansie e i conflitti.

Le esperienze che il bambino non sa ancora esprimere a parole vengono formulate e assimilate attraverso il gioco. La Oaklander utilizza il gioco in terapia e osserva il processo del bambino mentre gioca. Osserva la sua capacità di contatto con sé e con il gioco. I bambini vengono invitati a costruire una scena con la sabbia, possono utilizzare vari giocattoli e oggetti di uso quotidiano.

Descrivono poi la scena rappresentata, raccontano cosa succede o cosa succederà. La Oaklander comincia il suo lavoro osservando come il bambino si presenta durante il primo incontro. Nella prima seduta i genitori illustrano il problema alla presenza del figlio: Si chiede poi ai genitori di aspettare fuori per parlare con il bambino. Non esistono direttive, ogni terapeuta deve trovare il suo modo. Tutte queste variabili lavorano in sinergia con la terapia. Il bambino che adotta comportamenti ostili e distruttivi manifesta profonda rabbia, rifiuto, insicurezza, ansia, sentimenti feriti e spesso un senso di sé disperso, ha poca stima di sè. Nel lavoro terapeutico il primo passo è stabilire una relazione di fiducia.

Durante la seduta possono emergere sentimenti di rabbia che devono essere vissuti ed espressi nel qui e ora anche attraverso le rappresentazioni grafiche o mediante il gioco. Questi bambini non riescono ad esprimere né sentimenti di affetto né la rabbia e nelle interazioni non riescono ad essere spontanei perchè temono di essere rifiutati o feriti. Nella terapia è importante aiutarli a sperimentare, con delicatezza, altri canali, come le tecniche espressive.

Il gruppo permette al bambino di sperimentare nuovi comportamenti ed è utile soprattutto per i bambini che hanno bisogno di migliorare le loro abilità di contatto. Si chiede poi se qualcuno ha voglia di condividere qualcosa o se vuole parlare di un suo problema. Dopo aver eseguito un esercizio i bambini vengono invitati ad esprimere le sensazioni vissute.

Nel gruppo terapeutico il bambino diventa consapevole del suo modo di entrare in relazione con gli altri, impara a prendersi la responsabilità dei propri comportamenti e ne sperimenta nuovi. Gli chiesi di fare il bambino e perché stava ridendo. Alla richiesta di parlarmi del disegno rispose: Sapevo che i genitori erano divorziati e che la bambina vedeva regolarmente il padre. Vuoi disegnarlo qui? Per un attimo, il panico si dipinse sul suo volto e altrettanto rapidamente scomparve.

A bassissima voce rispose: Cindy sorrise felice e si mise al lavoro. A Cindy piaceva Jill fu quanto emerse dai dialoghi con le figure della famiglia, ma non a sua madre. Ti sono molto grata per averlo fatto. Annunci Condividi: Copertina flessibile. EUR 18, Processi creativi in psicoterapia della Gestalt. EUR 31, La terapia gestaltica parola per parola. Fritz Perls. EUR 16, Carattere e nevrosi. L'enneagramma dei tipi psicologici. EUR 17, La via del silenzio e la via delle parole.

Portare la meditazione nella psicoterapia. EUR 15, Ogni vita merita un romanzo. Quando raccontarsi è terapia. EUR 12, I clienti che hanno visto questo articolo hanno visto anche. Windows to Our Children: Violet Oaklander. EUR 28, Visualizza tutte le applicazioni di lettura Kindle gratuite. Dillo alla casa editrice. Vorrei leggere questo libro su Kindle Non hai un Kindle? Dettagli prodotto Copertina flessibile: Italiano ISBN Recensisci per primo questo articolo Posizione nella classifica Bestseller di Amazon: Se hai ricevuto un prodotto difettoso o danneggiato consulta la nostra pagina d'aiuto sulla Garanzia Legale. Per informazioni specifiche sugli acquisti effettuati su Marketplace consulta … Maggiori informazioni la nostra pagina d'aiuto su Resi e rimborsi per articoli Marketplace.

“IL GIOCO CHE GUARISCE” Recensione del libro di Violet Oaklander | tizianagiancolapsicoterapeuta

Il gioco che guarisce. La psicoterapia della Gestalt con bambini e adolescenti di Violet Oaklander su the-mummy.ashleyhower.com - ISBN - ISBN Il gioco che guarisce la psicoterapia della Gestalt con bambini e adolescenti” Violet Oaklander L'introduzione all'edizione italiana del libro è. Title, Il gioco che guarisce. La psicoterapia della Gestalt con bambini e adolescenti. Author, Violet Oaklander. Translated by, I. Sampognaro. Publisher, EPC. Compra il libro Il gioco che guarisce. La psicoterapia della Gestalt con bambini e adolescenti di Violet Oaklander; lo trovi in offerta a prezzi scontati su. IL GIOCO CHE GUARISCE (Violet Oaklander). Il libro è affascinante, inizia con una fantasia guidata, una fantasia dedicata ai bambini (e ai bambini negli adulti. Il gioco che guarisce. La psicoterapia della Gestalt con bambini e adolescenti. Autore. Oaklander Violet. Casa Editrice. EPC EDIZIONI PINA CATANIA. Dettagli. Il gioco che guarisce. La psicoterapia della Gestalt con bambini e adolescenti è un libro di Oaklander Violet pubblicato da EPC Edizioni Pina Catania, con.

Toplists